Autore: Sergio Barboni

La Spoleto Norcia

La montagna di Norcia e la Valnerina hanno sempre avuto stretti rapporti culturali ed economici con Spoleto. Già agli inizi dell’ottocento si pose il problema del miglioramento dei collegamenti esistenti con la realizzazione della strada nursina, progettata tra il 1830 e il 1835 dall’ingegnere Riccardi e realizzata dal 1837 al 1854. Contemporaneamente s’iniziò a parlare di un progetto ferroviario, ipotizzando un collegamento attraverso le valli del Nera, del Corno e del Tronto fino ad Ascoli. Nel 1896 il comune di Spoleto dette incarico all’ing. Bezzi di progettare una prima tratta ferroviaria, da Spoleto fino a Piedipaterno, ma i costi elevati costrinsero...

Read More

Il Lago di Fiastra

  Il lago di Fiastra, il più grande bacino idroelettrico delle Marche, ha una capacità totale di 20 milioni di metri cubi, una profondità massima di 87 m. e uno sviluppo pari a 254 m. con una superficie di 6 km². La sua quota è di 650 metri s.l.m. I lavori per la sua realizzazione iniziarono nel 1954 con la costruzione della diga a sbarramento del torrente Fiastrone, affluente del Chienti. Il primo studio per realizzare la diga risale però a molti anni prima della sua costruzione, addirittura al 1917. San Lorenzo al Lago è il paese che sorge sulle sue...

Read More

Kellerbauerweg

Il Kellerbauerweg è una bella e panoramica traversata di circa tredici chilometri, sul filo dei 2400 metri, che percorre l’intero crinale Lavina delle Pecore, dal Rifugio Giovanni Porro/ Chemnitzerhütte al Monte Spico/ Speickboden, tra la Valle di Rio Bianco e la Valle di Selva dei Molini. Tracciata negli anni 1906-09 dalle sezioni di Chemnitz e di Taufers del DOAV (Deutscher und Österreichischer Alpenverein), quest’Alta Via è intitolata al prof. Theodor Norbert Kellerbauer, presidente della sez. di Chemnitz dal 1883 al 1894. Viene percorsa in parte in tre nostri giri: Giogo del Corno (http://www.sibillini-mtb.it/percorsi-alpi-dolomiti/giogo-del-corno/), Giogo di Selva (http://www.sibillini-mtb.it/percorsi-alpi-dolomiti/giogo-di-selva/) e Tristental...

Read More

Macereto

Scrive il Pirri: “Fin da remota età spiccava a ridosso di un poggio del Monte Rotagna o Grotagna nel territorio di Visso, il castello di Macereto, appartenente ad una famiglia di feudatari che estendevano i loro possessi sopra un’estesa zona di luoghi circostanti. Poco dopo la metà del 1200, periodo critico del feudalesimo locale, a scusa del rapido affermarsi dei comuni urbani e rurali, i signori di Macereto vendettero questo castello”. Anzi, questo castello figura in due distinti atti di vendita: quello con il quale un tal Tiboldo di messer Farolfo di Nocria cedette il 24 settembre 1255 al...

Read More

Il Monte Sibilla e la leggenda della Regina

Nei monti Sibillini ci sono luoghi segnati dalla leggenda delle fate: ci sono le Fonti delle fate, i Sentieri delle fate, la Strada delle fate, il Paese delle fate e la Grotta delle fate, di sicuro il più conosciuto. E’ una grotta del Monte Sibilla che prende il nome dalla leggenda della Sibilla Appenninica, secondo la quale non era altro che il punto d’accesso al regno incantato della Regina Sibilla. Le Sibille erano delle figure storiche realmente esistite ma presenti anche nella mitologia greca e romana. Erano delle vergini dalle virtù profetiche, spesso ispirate dal dio Apollo, i cui messaggi...

Read More